s5 logo

Gli schemi mentali distruttivi, come uscirne e non ricaderci
Scritto da  Emy Farella
Vota questo articolo
(2 Voti)

Si avvicina la fine del 2014 e tutti abbiamo già pronta una lista di buoni propositi da mettere in atto con l'inizio del nuovo anno, armati di fiducia e tenacia.
Spesso, però, solo pochi riescono ad ottenere quanto si sono prefissi, mentre tutti gli altri si arrendono davanti ai primi ostacoli o semplicemente se ne dimenticano.

buoni propositi

La maggior parte dei buoni propositi riguardano il voler cambiare un proprio atteggiamento o modo di essere: "voglio essere più buono", "cercherò di non arrabbiarmi più", "devo essere più sicuro di me", "dimostrerò di essere una persona migliore", "voglio riuscire a perdonare", "devo farmi valere" ecc.

Quali ostacoli possono impedire la buona riuscita di questi propositi?

Gli impedimenti alla realizzazione di tali propositi non derivano dal mondo circostante, come spesso si vuole e si suole pensare. L'unico, vero ostacolo deriva dal nostro interno, siamo noi, il nostro modo di pensare, le nostre credenze e gli schemi mentali che il nostro cervello ripropone puntualmente... proprio quando stiamo cercando di cambiare! Quindi ci arrendiamo davanti a questa forza maggiore e ritorniamo sui nostri rassicuranti, vecchi passi.

Sapevi che la maggior parte del tempo viviamo ed agiamo in maniera inconsapevole? 
Sapevi che ripetiamo le stesse azioni, rispondiamo allo stesso modo, sentiamo le stesse emozioni quando si presenta questa o quella particolare situazione? Non ti sei mai chiesto come mai costi tanto cambiare e perchè quando un cambiamento improvviso sconvolge la nostra vita, alla fine si cerca sempre la maniera di tornare ad essere quelli di sempre?

Come si formano gli schemi mentali

Dal momento in cui nasciamo, la vita ci sottopone ad un numero infinito di esperienze: sperimentiamo, impariamo, sbagliamo, sentiamo emozioni di diverso tipo.

catalogare

Ogni singola esperienza viene catalogata dal nostro cervello, abbinata alle emozioni che ne derivano e ad una serie di informazioni. Se la stessa esperienza viene vissuta più volte producendo lo stesso tipo di emozioni ed informazioni, diventerà uno schema mentale, un'abitudine; se l'esperienza continua a ripetersi ancora ed ancora nel tempo diventerà un modo di essere fino a trasformarsi nella nostra personalità.
Tutte le volte che si ripresenterà quella tale situazione, andremo a ripetere lo stesso, identico tipo di risposta che abbiamo già sperimentato in precedenza, in maniera automatica, quasi senza rendercene conto.

Quindi nella nostra testa si costruisce la "nostra" verità sul mondo circostante: noi sappiamo che questo si fa e quello no, quella cosa è pericolosa, quell'altra ci da gioia, quel tipo di persone vanno evitate, quelle altre ci danno sicurezza, costruiamo così i nostri valori, le credenze, il senso di giustizia e tutto ciò che siamo.

Gli schemi mentali e il rapporto con gli altri

verita assolutaOgnuno di noi pensa, anzi ne è convinto, che la propria verità sia la verità assoluta, non ammettiamo che ci possa essere una realtà diversa da quella che intendiamo noi, per questo quando ci troveremo a confrontarci con altre verità ne deriverà un conflitto, sempre guidati da quella vocina nella testa che ci dice "io ho ragione e gli altri non hanno capito niente", guardiamo male e giudichiamo chi si comporta diversamente da noi, ci scontriamo continuamente sempre pronti a difendere la nostra verità, non pensando che anche gli altri vivono la propria verità indiscutibile.

Questo atteggiamento deriva dagli schemi mentali che abbiamo memorizzato e secondo i quali funzioniamo. Ma che succede se ad un certo punto sentiamo che non sono in armonia con il nostro essere profondo? Che quell'aspetto di noi proprio non ci piace, non ci rende felici? Tu hai la capacità di cambiare, devi solo sostutuire i vecchi schemi mentali che si sono "installati" inconsapevolmente con dei nuovi schemi mentali più consapevoli.

L'esigenza di cambiare

Non ti capita mai ti arrabbiarti fuori misura con chi ti sta vicino e poi pentirtene? Prometti a te stesso che non lo farai più ma alla prima occasione la tua rabbia viene fuori di nuovo come prima, senza controllo.
Ti è capitato qualche volta di sentirti intimidito da qualcuno, di non sapere rispondere a quella determinata persona nella maniera in cui avresti voluto, magari le parole non ti escono al momento giusto e poi quando è tutto finito ti dai dello stupido per non essere riuscito a dire quello che pensavi?

Ognuno di noi, almeno una volta, ha voluto essere diverso da com'è in realtà: più sincero, più costante, più deciso... ma poi arriva quella "risposta automatica" che ci costringe ad essere come siamo sempre stati e ci sentiamo sopraffatti, delusi, imprigionati ancora una volta nel solito schema mentale distruttivo che ci rende come non vogliamo essere.

cambiare

Ma adesso puoi dire basta alla resa, cambiare si può! Perché, dunque, non approfittare dell'inizio del nuovo anno per provarci ancora una volta? Questo periodo riesce a dare una spinta emotiva e motivazionale in più perché rappresenta un nuovo inizio, dopo le festività natalizie ci sentiamo rinnovati e pieni di buona energia.

Poche regole, tanta pazienza e costanza!

Di seguito ti do alcune indicazioni da seguire per rompere i vecchi schemi mentali ed introdurne di nuovi:

1 - Innanzitutto definisci bene il tuo obiettivo, non pretendere troppo in una volta sola quindi, se ne hai più di uno, concentrati su un proposito alla volta;

2 - Analizza il vecchio schema mentale che vorresti sostituire, dove e come si presenta, cosa ti obbliga a fare e quali sono le azioni che non vorresti più ripetere: studiati, diventa un osservatore esterno di te stesso, metti ben a fuoco la situazione attuale: questo ti permetterà di conoscerti meglio e conoscere esattamente quali sono i punti da ritoccare;

3 - Adesso immagina la persona che vorresti essere, sostituiscila al tuo vecchio io, visualizzati nelle situazioni che attualmente rappresentano il tuo punto debole e lascia che il tuo nuovo io agisca al massimo delle tue aspettative. Cerca di sentire le emozioni che sentiresti se tu fossi veramente così come desideri, la gioia, la pace e la tranquillità che questo tuo nuovo modo di essere ti provoca. Ripeti quest'esercizio di visualizzazione tutte le volte che puoi, devi immagazzinare nel dettaglio tutte le informazioni possibili circa questa nuova personalità o questo nuovo aspetto che vuoi acquisire, solo così diventerà tanto familiare da poterlo poi riproporre nel campo fisico;

4 - Fai un elenco delle persone che conosci che possiedono le qualità che vorresti acquisire, studiale, osserva come si comportano loro nelle situazioni simili a quelle in cui tu vorresti migliorare, assimila i loro comportamenti: l'imitazione è un passo molto utile e sicuramente più semplice del creare da zero qualcosa che non ti è ancora sufficientemente familiare;

5 - Una volta individuate le situazioni critiche che ti facevano ricadere nel vecchio schema mentale, queste diventeranno il tuo nuovo campo di allenamento: ogni volta che si presenteranno immagina di essere un attore che deve andare in scena con il ruolo del tuo "nuovo io ideale", mettiti alla prova! Cerca di materializzare il personaggio che hai tanto visualizzato, cerca di imitare i modelli che hai preso come esempio;

6 - Non preoccuparti se i tuoi primi tentativi ti faranno venir voglia di abbandonare l'impresa, come in ogni nuova esperienza ci vuole tempo per vedere i primi risultati, inoltre pensa che i tuoi vecchi schemi mentali si sono formati esattamente così... poco alla volta, con pazienza e tanta ripetizione! Più cercherai di mettere in pratica, più ti avvicinerai al risultato desiderato.

7 - Al contrario non adagiarti sugli allori se un paio di volte riesci nel tuo intento! Come dicevo prima, perché la caratteristica che vuoi acquisire diventi un nuovo schema mentale e poi un modo di essere, fino a diventare parte della tua personalità, è necessario ripetere tantissime volte la stessa esperienza! Più il vecchio schema mentale che vuoi sostituire si è solidificato in te, più tempo e lavoro ci vorrà per sostituirlo.

Evitare le ricadute

Le ricadute sono sempre dietro l'angolo, se non avrai dato al tuo cervello un numero sufficiente di esperienze tali da farti acquisire quell'aspetto che tanto desideravi, il vecchio schema mentale sarà sempre pronto a venir fuori ed a riprendere il sopravvento rendendo vani tutti i tuoi tentativi.

Ci vogliono convinzione e perseveranza, volontà e pazienza. Non smettere mai di crederci e di provarci, quando meno te l'aspetti la "risposta automatica" che ti fornirà il tuo cervello sarà esattamente quella che desideravi, e finalmente sarai diventato quella persona che hai sempre voluto.

Tu puoi

Non mi stancherò mai di ripeterlo: tu puoi diventare quello che vuoi, tu puoi essere felice, tu sei l'unico che ha il potere di farlo, in qualunque momento. Quindi scegli di gestire la tua mente consapevolmente invece di lasciare che sia lei a gestire te e tutta la tua vita!

Dimmi cosa ne pensi: lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Condividi

Seguimi!

 
Copyright © 2017 Credi Pensa Crea - Tutti i diritti riservati