s5 logo

L’uomo senza palle, la violenza inaccettabile
Scritto da  Emy Farella
Vota questo articolo
(0 Voti)

Credo nei valori dell’amore incondizionato e del perdono e voglio diffonderli perché convinta che in essi sia racchiuso tutto il senso della vita, che sia l’unica strada che possa rendere davvero liberi e felici.

liberi felici

E’ proprio nei momenti più difficili che questi sentimenti avranno più efficacia; nonostante ciò ho conosciuto una categoria di persone a cui questi sentimenti non fanno effetto, anzi, servono solo ad alimentare maggiormente la loro meschinità: siamo di fronte all’uomo senza palle.

L’uomo senza palle è colui che non ha il coraggio di affrontare le situazioni difficili che la vita gli presenta, è troppo pigro per per assumersi le sue responsabilità, è troppo codardo per affrontare personalmente i problemi.

Esattamente come diceva una canzone di Mia Martini “L’uomo in gruppo è più cattivo ma quando è solo ha paura” (Gli uomini non cambiano – Mia Martini), l’uomo senza palle usa circondarsi di altri della sua specie per sentirsi più forte, per colmare la sua profonda insicurezza, arrogandosi il diritto di ridicolizzare ed insultare chi gli sta intorno se non disposto ad elogiarlo ed elevarlo come lui vorrebbe.
Quando è solo, invece, preferisce scappare e nascondersi perché pervaso dalla paura.

E’ una persona del tutto innocua, gentile ed educata in apparenza, finché riesce a rimanere nel suo mondo ideale fatto di comodità, persone servili e nessun tipo di responsabilità.
Quando però gli si presenta uno scenario diverso, se viene obbligato ad alzarsi dalla sua comoda poltrona, oppure sente che il suo “potere” guadagnato con anni di disonestà e soprusi inizia a venir meno, ecco che può trasformarsi in una persona pericolosa, aggressiva e nel peggiore dei casi anche violenta. 
Le sue vittime preferite sono le donne.

violenza

Quando ho iniziato questo blog l’ho fatto con l’intenzione di condividere il cammino di crescita interiore da me intrapreso, sicura che potrà essere utile a molti che si trovano a percorrere la mia stessa strada.

Durante questo percorso cerco di applicare in tutti i modi la teoria secondo la quale tutti i conflitti si possano risolvere donando sempre amore, anche a chi ti fa del male.

Ma dopo alcuni episodi che mi sono accaduti ultimamente, mi sono resa conto di una cosa molto importante: se chi ti sta di fronte non è pronto per ricevere il tuo amore, tutto l’amore che donerai sarà sprecato.
Se la persona che a cui dai amore ti restituisce solo odio e violenza, se la persona che sei disposto a perdonare è offuscata da sentimenti di rabbia e vendetta non servirà a nulla.

Ho cercato di dare amore e comprensione ma in risposta ho ricevuto una codarda aggressione. La violenza contro una donna è, e rimarrà sempre, qualcosa di inaccettabile e vergognoso soprattutto se ripetuto nel tempo, soprattutto se non genera alcun senso di colpa anzi, se chi la commette crede sia un atto dovuto.

violenza-inaccettabileA te, uomo senza palle che sei un affezionato lettore del mio blog, che da buon codardo non trovi mai il tempo di sederti a confrontarti guardandomi negli occhi, mentre il tempo per leggere ogni mio articolo lo trovi, vorrei chiederti questo: 
che piacere si prova nel picchiare una donna? 
Che piacere provi nel mentire, provocare, molestare?

Non è questo che mi impedirà di andare avanti, di continuare a donare amore , di gioire per questa vita meravigliosa che ogni giorno mi regala qualcosa di fantastico.

Che tu lo voglia o no la vita ci ha fatto incontrare e scontrare per darci un insegnamento, io il mio lo sto cogliendo e ne faccio tesoro. Se tu il tuo non lo vorrai comprendere, continueranno a ripresentarti le stesse situazioni e dal conflitto non uscirai mai, si mostrerà con attori nuovi e nuovi scenari.

Quando un giorno riuscirai ad ascoltare la voce del tuo cuore invece che quella del tuo orgoglio e del tuo risentimento, quando sarai in grado di mettere da parte ogni forma di rabbia e violenza, quando deciderai di smettere di arrecare danno a me ed alla mia famiglia, sappi che io sarò nuovamente disponibile ad accoglierti con il mio perdono ed il mio amore.

Nota per i lettori:
Con questa parentesi personale che mi sono presa all’interno del blog vorrei dare coraggio a tutte le donne vittime di violenza da parte di “uomini senza palle”: non abbiate timore di uscire allo scoperto, parlatene con qualcuno estraneo agli eventi perché spesso quello che a voi sembra ormai una situazione normale spesso non lo è, non fatevi intimidire dalle minacce, dalla paura di quello che potrebbero dire gli altri, dalla paura di rimanere sole.

NESSUNO merita di essere trattato con violenza, tutti meritiamo amore e serenità. Quindi ricordate: se volete imparare a dare amore agli altri dovete innanzitutto essere capaci di amare voi stesse e non permettere a nessuno di calpestare la vostra dignità!

Dimmi cosa ne pensi: lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Condividi

Seguimi!

 
Copyright © 2017 Credi Pensa Crea - Tutti i diritti riservati