s5 logo

Sai gestire la felicità? Quando l'entusiasmo ti riempe di energia
Scritto da  Emy Farella
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fino ad ora, attraverso questo sito ed il mio libro, ho cercato di dare suggerimenti per superare gli ostacoli alla felicità, le emozioni negative che fanno vivere male, i limiti, le paure che ci paralizzano e non ci fanno andare avanti; non ho ancora parlato, però, della felicità vera e propria, di cosa accade quando finalmente si raggiunge quello stato tanto agognato e sopratutto di come gestirlo.

Conosci la felicità?

Sicuramente ognuno di noi conserva il ricordo di uno o più momenti felici della sua vita e tutti sappiamo quanto bene ci si sente ottenendo qualcosa che si aspetta da tempo, quando ci si sente amati o ci fanno una sorpresa gradita.

Quando parlo di felicità, però, mi riferisco ad uno stato mentale e fisico che va ben oltre il semplice sentimento di gioia momentaneo: quando la mente si svuota da tutte le preoccupazioni, dai pensieri inutili e dannosi, quando non si sentono più rancori e rabbia ma si ama se stessi e gli altri in maniera incondizionata, quando si riesce a concentrarsi solo sul bello della vita e sulle infinite possibilità che essa offre, allora si entra in uno stato creativo dove ci si sente invincibili, pieni di energia e voglia di fare, si vorrebbe cantare, ballare, ridere, correre, gridare al mondo intero quanto meravigliosamente ci sentiamo.

Questa è la felicità, pura ed inesauribile.

Cosa faccio adesso con tutta questa energia?

esplosione di energia

A volte, quando si viene travolti da un sentimento così nuovo ed inaspettato, ci si potrebbe trovare impreparati e non sapere come gestirlo, col rischio di esserne catapultati fuori, ricadendo nel vecchio circuito di sentimenti negativi.

Mi ricordo che una volta, in seguito ad una bella notizia che stavo aspettando da tempo e su cui avevo riposto tutte le mie speranze, mi sentii così euforica e felice da stare male! Non riuscivo ad esternare e a sfruttare tutta quell'energia che passava per ogni centimetro del mio corpo ed in poco tempo si esaurì.

In seguito, per diversi anni, non riuscii più a sentire quella stessa emozione con la stessa intensità ma non smisi mai di cercarla, quando ci passi una volta capisci che non ne puoi più fare a meno.

A quei tempi avevo circa 20 anni; oggi, grazie a tutto quello che ho imparato durante lo scorso anno (lo spiego bene nel mio primo libro “Credici, lo avrai – il segreto per essere felici”) e che continuo a studiare, ho finalmente capito come raggiungere quello stato e sopratutto come usarlo al meglio.

Attualmente mi capita molto frequentemente di sentirmi felice ed ispirata, proprio pochi minuti fa sono stata travolta da una sferzata di energia creativa e mi sono detta: devo scrivere subito un articolo!

Quindi eccomi qui a condividere con te la mia esperienza ed i miei suggerimenti sulla gestione della felicità.

Questione di secondi

felicita

Risultato di una serie di pensieri positivi e della capacità di vedere opportunità nel tuo futuro, questo stato creativo arriva sempre all'improvviso, ti assale rapidamente e dura solo una manciata di secondi.

Ma se lo prendi al volo, nel giusto tempo, potrà durare molto molto di più, anche tutta la vita.

Quando vengo assalita da quest'ondata di felicità la mia mente inizia ad andare su di giri, sembra incontrollabile, i pensieri viaggiano accelerati e vengo bombardata da milioni di idee e desideri: vorrei dipingere, scrivere, cantare, cucinare, uscire e vedere gente, andare in bicicletta, meglio con i pattini, e perché no, invece, una passeggiata nella natura, un po' di fai da te casalingo, studiare inglese, leggere quel libro che mi interessava, fare quel corso... e tutto mi sembra incredibile, tanto incredibile che non so decidere, so che non riuscirò mai a fare tutto in quel preciso istante ma so anche che se non mi concentro passerà quel momento magico e tutto sarà finito in pochi secondi.

Mi è successo molte volte di “svuotarmi” velocemente da tutta quell'energia, di non riuscire ad indirizzarla bene in tempo e di vederla sparire così velocemente com'era arrivata.

Ora, invece, ho imparato. So che quando mi ritrovo in quello stato devo solo cercare di non perdere la concentrazione, non lasciare che i pensieri rimangano indomati, liberi di viaggiare da soli nella direzione della frustrazione.

Quindi il trucco sta nel focalizzare una o un gruppo di idee che si vuole privilegiare ed portarle avanti, rimanere positivi (è facile farsi accalappiare nuovamente dalla pigrizia o dalla mancanza di motivazione) ed agire subito!

Esplodere la propria creatività

La felicità è uno stato mentale creativo e per usarla al meglio bisogna creare! Non considerare il “creare” solo come un'attività artistica o dedicata a pochi, chiunque è in grado di creare!

Uno stato di totale felicità potrebbe portare a rimettere la casa a nuovo, armare un ambiente piacevole e rilassante, cucinare dei piatti prelibati; uscire e vedere gente, fare delle relazioni sociali interessanti e produttive; leggere, studiare, ma anche solo sedersi e guardare un tramonto, quindi dedicare del tempo a se stessi e rigenerarsi.

Creare è tutto ciò che ti fa evolvere, crescere, sentire migliore. Creare è anche condividere, donare, fare qualcosa di buono per gli altri. Creare è quella cosa che dopo averla fatta ti fa sentire soddisfatto ed orgoglioso di te stesso, quindi che ti fa ancora essere felice e ti da nuova energia per creare ancora ed ancora.

Ancora più dei sentimenti negativi, la felicità è un circolo vizioso: se ci arrivi e capisci come mantenerla, si rigenererà all'infinito senza esaurirsi mai, anzi, aumentando esponenzialmente.

A volte la felicità fa paura perché non si sa come gestirla, altre volte non ce ne sentiamo meritevoli, si teme di essere giudicati perché noi siamo troppo felici mentre gli altri no (e ce lo fanno pesare)
La realtà è che tutti dovremmo vivere in questo stato di felicità costante, è la nostra natura, siamo nati per essere felici, bisogna accettarlo ed imparare a vivere in modo creativo invece che distruttivo.

Non credi che valga la pena provarci?

Dimmi cosa ne pensi: lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Condividi

Seguimi!

 
Copyright © 2017 Credi Pensa Crea - Tutti i diritti riservati